Categoria: In ricordo di Sandra Schiassi

Io sono mia

05.02.2021 Siate bellissimi, morti nostri. Diventate voi tutta la meraviglia di quando alziamo la faccia nell’aperta notte e quasi non reggiamo quell’impero enigmatico di stelle, tutta l’eleganza armonica del cielo. Siate voi. Non prego per voi. Io prego voi. Andate, dove sarà svelata la profezia dei fiori, di tutti i fiori. Nella pace siate di certe domestiche sere, nella gioia d’infanzia, nell’abbraccio fra umani, siate, o quando piove d’estate dopo la calura, dentro un vapore di fornelli, dove si fa il pane, siate, dove si beve latte. Nel semplice stare che non vediamo, se non a volte, dopo un dolore...